Tenuta Gorghi Tondi: oasi vista mare

192

I vigneti di Ramisella e San Nicola rappresentano il cuore pulsante dell’azienda che Annamaria e Clara Sala conducono insieme ai genitori Michele e Doretta.

Clara e Annamaria Sala

Centotrenta ettari che dalla riserva naturale protetta Lago Preola e Gorghi Tondi si protendono dolcemente sino a lambire le coste sabbiose color dell’oro del mar Mediterraneo, a pochi chilometri da Mazara del Vallo, estremo ovest della Sicilia. Un territorio straordinario che vede sovrapporsi senza soluzione di continuità mare, terra e cielo dando vita ad una tavolozza di colori caleidoscopica e sorprendente. Accarezzate dalla brezza marina, le uve che nascono dai vigneti di Gorghi Tondi, coltivate in regime di agricoltura biologica certificata, crescono a ridosso dei laghetti carsici della Riserva; un colpo d’occhio suggestivo che rivela tutta l’energia straordinaria che la natura, attraverso questo ricchissimo terroir, infonde nelle piante.
La novità che sarà presentata al Padiglione 2 – Sicilia, presso lo stand 102 F del Vinitaly 2018, è la linea “Le Maioliche”: due etichette dedicate all’arte tradizionale siciliana del decoro e, proprio come le affascinanti ceramiche, i vini Midor e Dumé rivelano la passione di Gorghi Tondi per la Sicilia più autentica. Il Midor è un Catarratto DOC Sicilia in purezza, floreale e fresco, perfetto per raccontare il fascino discreto ed emozionante della Sicilia: i suoi profumi ricordano il mare azzurro e il soffio costante del vento sui vigneti, echi di una terra intera racchiusa nella lucentezza di un solo calice. Il Dumé DOC Sicilia, invece, nasce da uve Frappato e rappresenta un inedito assoluto nella storia di Famiglia: è la prima volta che questa celebre varietà siciliana entra nella collezione di Gorghi Tondi. Rosso seducente e fresco che si connota piacevolmente con sentori di frutta rossa mediterranea, va bevuto in compagnia, alla ricerca di momenti di pura serenità.
Come da tradizione, Gorghi Tondi porta con sé al Vinitaly le ultime annate dei vini attualmente sul mercato. In questo senso, il Grillo continua ad essere il protagonista indiscusso: simbolo del nuovo corso enologico della Sicilia, il Grillo e la sua versatilità sono per Gorghi Tondi il vessillo di un’intera filosofia produttiva, per un’esperienza che va al di là delle reazioni immediate dei sensi e che tocca direttamente le corde delle più intime emozioni. Un viaggio che comincia con la versione spumante brut, il Palmarès, per proseguire con quella ferma, il top di gamma Kheirè, vino di grande armonia e di eccezionale morbidezza. Poi, i due fiori all’occhiello: il Grillodoro, muffato ottenuto da una vendemmia tardiva di uve surmaturate in pianta e caratterizzate dalla muffa nobile Botrytis Cinerea, e il Vivitis Bio, che grazie all’assenza di anidride solforosa in tutte le fasi di produzione si qualifica come un vino autenticamente naturale. Il percorso sensoriale del Grillo si chiude in bellezza con le piacevoli note floreali e fresche di un campione tra le etichette storiche di Gorghi Tondi: il Coste a Preola che annata dopo annata rivela tutte le sue doti esaltate dall’equilibrio tra acidità e freschezza.