Appiccano fuoco a 4 quintali di rame: quattro arresti a Termini Imerese

96

Nelle prime ore di ieri, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Termini Imerese, hanno arrestato con l’accusa di combustione illecita di rifiuti Alessandro Lo Verso,  Francesco Paolo e Sinibaldo Balestrieri e Pietro Di Maio, tutti nati e residenti nel capoluogo, rispettivamente di 29, 25, 26 e 23 anni, e denunciato, per il medesimo reato, un quinto soggetto minorenne.

I quattro, approfittando del buio, erano intenti a bruciare, in un terreno in c.da Sivarici di Termini Imerese, circa sette quintali di matasse di cavi elettrici in rame (di dubbia provenienza), di diversa sezione e misura, per ricavarne “l’oro rosso” che sarebbe stato successivamente caricato in un camioncino cassonato, parcheggiato poco distante.

I Carabinieri attirati dalla fitta coltre di fumo che si alzava dal terreno, dopo aver osservato il luogo da una posizione d’altura,sono intervenuti ed hanno fermato tutti i presenti.

I soggetti, dopo essere stati identificati, sono stati condotti presso il Comando Compagnia di Termini Imerese dove, al termine delle verifiche di rito, sono stati dichiarati in stato di arresto ai sensi dell’art. 256 bis del Testo Unico delle norme in materia ambientale, in considerazione della gravità dell’atto compiuto, atteso che la combustione di tali rifiuti, composti anche da materie plastiche, determina effetti molto dannosi per la salute pubblica, a causa dell’emissioni di microinquinanti organoclorurati, come le diossine.

All’esito dell’udienza di convalida, svoltasi nel pomeriggio di ieri, il Tribunale di Termini Imerese disponeva per tutti e quattro la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.