Coltiva cannabis sul balcone della casa popolare: arrestato ventenne a Trapani

201

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Trapani, hanno arrestato Salvatore Mauro, 20 anni, trapanese, già noto alle forze dell’ordine per alcuni precedenti di Polizia. I militari dell’Arma, durante alcuni servizi finalizzati al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti, hanno notato, nel popolare Rione S.Alberto, un anomalo andirivieni dalla casa del giovane. I movimenti sono stati monitorati sino alla mattina di ieri quando gli uomini dell’Arma sono intervenuti presso l’abitazione del Mauro sita al 3° piano di una palazzina popolare, dove sul balcone di casa, occultate abilmente alla vista da una rete di protezione, hanno scoperto 11 vasi con altrettante piante di cannabis indica. Nel proseguo della
perquisizione, nella camera del giovane, è stata rinvenuta e sequestrata una piccola serra artigianale per facilitare la crescita delle piante di marijuana, liquidi fertilizzanti ed un bilancino di precisione.
Dopo le formalità di rito, Mauro è stato tradotto presso il Carcere di San Giuliano in attesa di udienza di convalida davanti al GIP.

Nel corso del fine settimana appena trascorso i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di
Trapani, hanno arrestato in esecuzione di un’ ordinanza di misura cautelare, Felice Beninati, 20 anni, trapanese, già gravato da numerosi precedenti di polizia.

Beninati

Beninati, nel mese di gennaio, era stato arrestato, insieme al fratello Antonino,
in flagranza di reato, dagli stessi Carabinieri in una operazione antidroga che aveva
portato al sequestro di un ingente quantitativo di stupefacente. Da allora, dopo la
convalida, Beninati era sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nei
Comuni di Trapani ed Erice con divieto di uscire dall’abitazione dalle ore 21:00 alle 07:00.
Nonostante queste prescrizioni però il giovane, in svariate occasioni, è stato segnalato dai
militari dell’Aliquota Radiomobile per le violazioni delle predetta ordinanza in quanto non
trovato in casa negli orari prescritti. L’A.G. di Trapani, condividendo la nota investigativa

dei Carabinieri, ha emesso ordinanza di arresto nei confronti di Beninati, sottoponendolo
agli arresti domiciliari con il “braccialetto elettronico”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.