Mazara, smaltimento illecito di rifiuti liquidi: sequestrata cava in contrada San Nicola

203

 

Continua il controllo del territorio da parte del locale Comando di Polizia Municipale per prevenire reati di natura ambientale. Nell’ambito di un’indagine condotta dalla sezione di Polizia Giudiziaria del locale Comando di Vigili Urbani, in collaborazione con il personale del Corpo Forestale del distaccamento di Castelvetrano e dell’A.R.P.A. di Trapani è stata sottoposta a sequestro una cava dismessa in Contrada Santa Nicola adibita allo smaltimento illecito di liquidi la cui natura è in fase di accertamento da parte di personale dell’ARPA.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Marsala, l’area interessata allo smaltimento illecito delle acque è stata posta sotto sequestro, mentre continuano le indagini per risalire agli autori degli illeciti.

“L’intervento svolto – ha detto il dirigente dei Vigili Urbani, dott. Salvatore Coppolino – è un esempio di collaborazione proficua tra i vari enti preposti alla tutela dell’ambiente. Ancora una volta – ha concluso il Comandante – la nostra sezione di Polizia Giudiziaria si contraddistingue per acume investigativo e per elevate qualità tecnico-professionali”.

Il sequestro della cava dismessa in Contrada Santa Nicola si aggiunge all’operazione condotta sempre dalla sezione di Polizia Giudiziaria, unitamente all’ARPA, che aveva portato al sequestro di una vasta area in contrada Lippone dove vi era lo sversamento di reflui provenienti dalla lavorazione delle olive.