Marsala e la scia “misteriosa” di Capo Boeo: liquami versati dall’ex fognatura

581

In un bel pomeriggio di maggio, a Capo Boeo, lungomare di Marsala, con la primavera che batte impietosa e regala una luce quasi magica, accecante, ci si può imbattere per caso, in una scia “misteriosa”, grigiastra, che con lentezza inquietante, galleggia nell’azzurro, cristallino mare.

Che sarà mai? A guardar bene però, le ipotesi si restringono, si riducono ad un’unica risposta plausibile: la scia inquietante ha inizio proprio dal grosso tubo che un tempo era utilizzato per versare in mare le acque reflue, ovvero gli scarichi fognari della città. Evidentemente, non appartiene al passato questa “antica” abitudine di liberarsi così delle acque sporche senza dapprima purificarle attraverso un depuratore, ad esempio. Come evince dalle foto fatte dall’alto, dal grosso tubo di cemento, esce, a fiotti, l’acqua sporca che si immette nel mare e che segna un tracciato maleodorante e ben visibile nel mare luccicante di Capo Boeo. Il video e le foto che abbiamo fatto, oggi, 12 maggio, alle ore 17, visualizzabili a seguire, lasciano poco spazio a qualsiasi tipo di giustificazione ma noi, continuiamo a chiedere: cosa sarà mai? Agli amministratori l’ardua risposta.

 

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.