Immigrati denunciano i loro “caporali”: tre indagati per sfruttamento del lavoro

286

Lavoravano nei campi per pochi euro al giorno e hanno denunciato i loro datori di lavoro.Alcuni braccianti agricoli extracomunitari hanno denunciato alla guardia di finanza  due titolari di aziende agricole e un altro immigrato che li ingaggiava per farli sfruttare nei campi. Il fatto è accaduto nelle campagne di Cassibile, Avola e Siracusa. Gli immigrati abitano nella zona di Cassibile in una zona conosciuta come “Case Sudan”. Erano pagati pochissimo e non usufruivano di alcuna sicurezza nel lavoro. Lavoravano in luoghi insalubri e sporchi. I titolari delle aziende agricole sono stati denunciati e dovranno rispondere di sfruttamento del lavoro. L’immigrato complice, svolgeva lavoro di sentinella. Controllava i lavoratori guardando le videocamere installate nei campi e che servivano a vedere quanto rendessero bene i lavoratori