Controlli sui versamenti IMU: scoperta evasione da 4 milioni di euro

House built from euro notes (Digital)

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, nell’ambito delle attività di
contrasto all’evasione fiscale e all’economia sommersa, hanno sviluppato
una serie di interventi finalizzati alla verifica del corretto assolvimento
dell’I.M.U. (Imposta Municipale Propria) da parte degli operatori del settore
turistico alberghiero sugli immobili di loro proprietà.
In particolare, a seguito di un’attenta analisi dei dati catastali delle strutture
alberghiere, incrociata con i dati relativi ai pagamenti delle
imposte, i Finanzieri della Tenenza di Acireale hanno individuato 14
operatori turistici che risultavano non aver adempiuto alla liquidazione e al
pagamento dell’IMU nelle ultime 5 annualità (dal 2013 al 2017).
Al termine degli accertamenti, le Fiamme Gialle hanno constatato l’evasione
di complessivi 4 milioni di euro di IMU, con un corrispondente ammanco
nelle casse dei Comuni di Acireale, Aci Castello, Viagrande, Pedara
Zafferana Etnea, in cui ricadono gli immobili.
Per le violazioni riscontrate, gli amministratori degli alberghi controllati sono
stati segnalati agli Enti locali per il recupero dell’imposta evasa nonché per
l’applicazione della relativa sanzione, pari al 30 % dell’importo dovuto.
Inoltre, l’avvio di attività nei confronti di una struttura alberghiera ha portato
all’immediato ravvedimento dell’operatore turistico che, contestualmente
alla contestazione delle violazioni da parte dei Finanzieri, ha versato nelle
casse del Comune di Aci Castello circa 170.000 euro.