«Sporco negro torna al tuo Paese»: pestato senegalese a Partinico, denunciato operaio

G.B. l’operaio trentaquattrenne che qualche giorno fa, in preda ai fumi dell’alcool, ha picchiato selvaggiamente il diciannovenne senegalese di 19 anni, è stato ascoltato dai carabinieri di Partinico. L’operaio, denunciato a piede libero, deve rispondere di lesioni aggravate dall’odio razziale commesse nei confronti del giovanissimo Khalifa Dieng.

L’operaio ha ammesso di aver bevuto almeno 10 birre in un bar della piazza di Partinico, Santa Caterina, e di aver “visto” una rissa ma non ricorda di avervi partecipato. Dieng stava recandosi in bici in un agriturismo dove lavora come cameriere e non ha risposto alle provocazioni verbali fatte dall’operaio, noto per le sue intemperanze.

In pochi minuti la situazione è degenerata: secondo l’accusa l’operaio è passato dalle parole alla violenza fisica, e mentre qualcuno gli urlava “smettila” altri si aggregavano invece al pestaggio con pugni, calci e spintoni. Qualcuno ha urlato al senegalese di scappare per non finire male e lui è riuscito a fuggire. Poi si è recato con ferite alla bocca e al viso in ospedale per farsi medicare. La prognosi è di 7 giorni.

.