Ammazza vicino per il fumo del barbecue: arrestato palermitano

Il fumo provocato da una fornacella usata per arrostire della carne avrebbe fatto scattare la furia omicida a Pietro Billitteri, 60 anni, residente a Palermo. La vittima è Cosimo D’Aleo, vicino di casa, 43 anni, il quale abitava in una palazzina di via Sferracavallo 130. D’Aleo, stava arrostendo con il barbecue a piano terra e il fumo”impuzzava” ( come già confessato dallo stesso Billitteri) il terrazzino del primo piano dove l’omicida era seduto. Secondo le testimonianze i due uomini litigavano spesso e stavolta, Billitteri, stanco del fumo, ha preso una pistola e ha ucciso il suo vicino di casa. L’omicida è poi scappato con la pistola e la sua auto, una Ford Fiesta abbandonata poi per strada. L’uomo sotto la pioggia battente di ieri, ha vagato per le vie quasi impraticabili ed è stato arrestato dalla polizia in un magazzino della Marinella