Marsala. Presentati alla Regione progetti Italia-Tunisia sul riuso delle acque reflue e la pesca costiera

232

Valutati positivamente dal Dipartimento regionale della Programmazione lo scorso agosto, i progetti sulla cooperazione transfrontaliera “Italia Tunisia” – con il Comune di Marsala capofila – sono stati oggi presentati a Palermo per candidarsi al finanziamento. La richiesta complessiva ammonta a 1 milione e 750 mila euro, per due azioni progettuali che riguardano settori importanti dell’economia del nostro territorio: agricoltura e pesca. “L’approccio alle due tematiche è fortemente innovativo e si avvale dell’Ateneo palermitano e di partner tunisini che hanno competenza in materia, sottolinea il sindaco Alberto Di Girolamo. Una cooperazione internazionale per creare sviluppo e occupazione, in cui coinvolgeremo Imprese, Enti e Istituzioni scolastiche che vogliono investire in ricerca e tecnologia”. Caratteristiche che si ritrovano in entrambi i progetti del Comune. Il primo, ENCIRCLE (950 mila euro), prevede la “Gestione delle acque non convenzionali in agricoltura”. Obiettivo, lo studio e la progettazione di una rete di distribuzione delle acque reflue provenienti dal depuratore di contrada San Silvestro: con Marsala capofila, anche l’Università di Palermo e gli Organismi ministeriali tunisini di Sfax e Sousse. L’altro progetto ammesso è il PETIT (800 mila euro), il “Piano di gestione della pesca costiera, utilizzo di sistemi di telerilevamento e informativi territoriali” (Marsala capofila, Distretto della Pesca di Mazara, Consorzio Universitario di Trapani e Ministero della Pesca di Tunisi). In pratica, il tratto costiero marsalese, lo Stagnone e la zona tunisina del Mammellone antistante la città di Sfax sono le aree individuate per la sperimentazione di un piano di gestione capace di assicurare ai pescatori e alle loro famiglie la salvaguardia di un’attività economica fondamentale.
Il Programma Italia-Tunisia coinvolge 6 Regioni costiere nordafricane (governatorati di Ariana, Beja, Ben Arous, Bizerte, Jendouba, Nabeul) e 5 Province siciliane (Agrigento, Caltanissetta, Ragusa, Siracusa, Trapani). L’obiettivo prioritario è quello di promuovere l’integrazione economica, sociale, istituzionale e culturale tra gli Stati dell’UE e i Paesi extraeuropei che si affacciano sul Mediterraneo, contribuendo a creare una zona di prosperità condivisa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.