Catania. Omicidio Leonardi del giugno 2017: catturato l’autore

222

L’indagato, Nikita GROMOKOV cl.91, il 12 giugno 2017, si rese responsabile di una violenta aggressione nei confronti di Giovanni LEONARDI, un acese di anni 61, deceduto poco dopo all’Ospedale di Acireale per arresto cardiocircolatorio.

Gli investigatori dell’Arma ricostruirono la dinamica dei fatti grazie ad un’intensa attività di riscontro, coordinata dalla Procura delle Repubblica di Catania, avviata a seguito del decesso della vittima.

L’analisi delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza e l’escussione dei testimoni presenti sul luogo del fatto reato, consentirono di accertare come GROMOKOV avesse incontrato, in maniera fortuita, il LEONARDI nei pressi della stazione ferroviaria di Acireale, responsabile quest’ultimo, a detta dell’indagato, di aver sottratto qualche giorno prima un portafogli alla giovane fidanzata.

Dopo un’accesa discussione, il russo colpì a più riprese il 61enne con calci e pugni lasciandolo a terra ferito per poi, in compagnia della fidanzata e un’amica, prendere un treno diretto a Milazzo (ME), luogo di domicilio dei tre giovani.

L’indomani, i tre furono identificati, prelevati e condotti nella caserma di Acireale dove, alla presenza del magistrato titolare delle indagini, furono effettuati ulteriori approfondimenti d’indagine che consentirono di fissare gravi indizi di colpevolezza nei confronti del GROMOKOV che, sottoposto a fermo di indiziato di delitto (omicidio preterintenzionale), fu trasferito nel carcere di Catania Piazza Lanza.

Tornato in libertà, ieri sera, su disposizione dei giudici del Tribunale etneo, è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Acireale i quali, dopo diversi giorni di indagini, sono riusciti a rintracciarlo ed ammanettarlo in piazza Rosolino Pilo a Catania, mentre stava per raggiungere la casa della fidanzata.

Il giovane, assolte le formalità di rito, è stato posto in custodia cautelare agli arresti domiciliari.