Guardia Costiera Marsala: bilancio dei primi cento giorni di attività e risultati dell’operazione “Mare Sicuro 2018”

257

Conferenza stampa del comandante Pontillo, insieme ai Sindaci di Marsala e Petrosino

Questa mattina, il neo comandante della Guardia Costiera di Marsala, Nicola Pontillo, ha tenuto una conferenza stampa di presentazione delle attività svolte durante i primi cento giorni dal suo insediamento e delineato i risultati finali dell’operazione “Mare Sicuro”. Accanto a lui anche il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, e il sindaco di Petrosino, Gaspare Giacalone.

Bilancio decisamente positivo per quanto riguarda l’Operazione Mare Sicuro 2018, che ha visto il dispiegamento di tanti mezzi e uomini su più fronti: attività nel settore da diporto e sul territorio “al fine di ridurre al minimo i rischi del mare” ha detto il Capitano Pontillo, che ha aggiunto: “Durante l’estate appena trascorsa abbiamo effettuato 1185 controlli ed emesso 42 verbali amministrativi. Sono state soccorse quattro unità da diporto e istituita una unità in pianta stabile all’interno dello Stagnone per una serie di attività di controllo e sicurezza. C’è stato un grande lavoro di revisione delle ordinanze per quelle zone dello Stagnone in cui si pratica il Kite surf, uno sport estremo e come tale va monitorato costantemente”.

“Il mare, per Petrosino, rappresenta la fonte principale di turismo ed economia – ha detto nel suo intervento il sindaco di Petrosino Gaspare Giacalone –. Per noi Enti Locali  è preziosa la collaborazione con la Guardia Costiera perché quando tra le Istituzioni c’è sinergia e collaborazione si  possono ottenere ottimi risultati. Noi vogliamo un mare sicuro e che possa essere fruibile a tutti, sempre nel rispetto dei fondali e del litorale sabbioso. Lottiamo contro l’abusivismo e mettiamo in essere interventi di pulizia della costa con tante attività svolte in sinergia con le associazioni del territorio”.

Per quanto riguarda il settore della pesca in genere, la Guardia Costiera ha effettuato 62 controlli e 14 verbali amministrativi per un totale di 44mila e 500 euro. “La maggior parte dei verbali – ha spiegato il comandante Pontillo – sono stati emessi nei confronti di  pescatori non professionali abusivi. Fin dal mio insediamento ho notato che a Marsala e Petrosino c’è molta pesca abusiva, infatti, tra le attività che ho voluto promuovere ci sono anche incontri informativo-divulgativi con le cooperative del settore della pesca del territorio”. Una delle principali attività ha riguardato la pulitura del molo Colombo dai rifiuti e il posizionamento di telecamere che già hanno dato i primi frutti: sono stati individuati alcuni trasgressori. Dalla conferenza stampa è emerso che un’altra delle priorità della Guardia Costiera riguarda il porto di Marsala e principalmente il divieto di accesso, che spesso viene trasgredito. A tal proposito, sono state emesse ben 24 sanzioni amministrative per i veicoli lasciati in porto senza il conducente.

“Ringrazio la Guardia Costiera per il suo impegno – ha detto il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo – e per le attività sul nostro litorale e nelle acque dello Stagnone. Si tratta di una vera e propria lotta culturale che parte dal rispetto per l’ambiente”.