DASPO per la partita Marsala-Bari: 5 tifosi interdetti

Cinque provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive
(DASPO sportivo) emessi dal Questore di Trapani

I provvedimenti di divieto di accesso alle manifestazioni sportive sono stati emessi in
relazione ad eventi verificatisi durante lo svolgimento di alcune partite di calcio disputate in
provincia.
Dei primi due provvedimenti sono stati destinatari L.G. classe 1981 e O.G. classe 1979,
entrambi supporters del Bari. Lo scorso 22 ottobre, in occasione dello svolgimento della
partita di calcio Marsala-Bari, L.G., già sottoposto a D.A.S.P.O., provvedimento che
inibisce lo stesso ad accedere e assistere agli incontri di calcio, durante le operazioni di
filtraggio e controllo delle tifoserie, prima dell’inizio dell’incontro, veniva identificato dalle
forze di polizia.
D’altro canto O.G., identificato dagli operatori di polizia durante le operazioni di filtraggio e
controllo delle tifoserie, prima dell’inizio della partita, veniva trovato in possesso di un
fumogeno, che lo stesso aveva occultato sotto gli abiti.
Altri due provvedimenti sono stati emessi nei confronti di C.B. classe 1984 e N.F., classe
1981, entrambi supporters della Cinque Torri Trapani di Castelvetrano, in occasione dello
svolgimento dell’incontro di calcio valevole per il campionato di promozione, Cinque Torri
Trapani-Olimpia Akragas, disputatasi il 21 ottobre 2018.
Entrambi i supporters, durante la partita, si rendevano responsabili dell’accensione e del
lancio di fumogeni.
Ed ancora un altro episodio verificatosi a Castellammare del Golfo, laddove il quinto dei
soggetti sottoposti a provvedimento di “DASPO” emesso dal Questore, C.A. classe 1951,
supporter della squadra locale, che, durante lo svolgimento dell’incontro di calcio
Castellamare Calcio 94- Licata Calcio, si rendeva responsabile del lancio di “un melograno”
nei confronti dei tifosi della squadra avversaria.
Ai cinque soggetti, tutti denunciati per i fatti commessi, con la sottoposizione al
provvedimento di “DASPO”, viene inibito l’ingresso negli stadi e negli impianti dove si
svolgono incontri di calcio.
L’azione di contrasto a tale tipologia di comportamenti, anche negli incontri di calcio di
categoria inferiore che si svolgono in provincia, rappresenta una precisa scelta strategica
della Questura trapanese, tesa a far rispettare le regole in ogni manifestazione sportiva.
Tali attività continuerà ad intensificarsi, come avvenuto nelle ultime settimane, mediante
capillari controlli, prima, durante e dopo gli incontri di calcio.