Marsala. Inaugurati oggi i nuovi locali del “Centro per la Famiglia e Tutela Minori” in via Trapani

319
dav

Questa mattina si sono riaperte le porte dell’ex Istituto “Cannata” in Via Trapani che tornerà ad essere la sede del Centro per la Famiglia di Marsala. Presenti all’incontro con la stampa, il Sindaco Alberto Di Girolamo, gli assessori Clara Ruggeri e Salvatore Accardi, il Vicesindaco Agostino Licari, il Presidente del Consiglio Comunale Enzo Sturiano e il nuovo Arciprete Renda. Nel corso degli anni, l’Ente locale ha svolto un ruolo molto importante nel quadro del corretto sviluppo delle politiche sociali all’interno del territorio. Il Centro per la Famiglia, infatti, com’è stato ricordato, opera d’intesa con l’Autorità Giudiziaria e con il Tribunale per i Minorenni. Come segnalato dal Sindaco, il percorso burocratico per l’apertura del centro è stato più lento del previsto, ma alla fine l’obiettivo è stato raggiunto e adesso il Centro è dotato di un’equipe di professionisti formata da quattro assistenti sociali, due psicologhe, due educatori e un avvocato. “L’obiettivo – ha detto l’assessore ai Servizi Sociali,Clara Ruggieri – è quello di tutelare al massimo la privacy e di non intervenire, tranne in casi eccezionali, affinché non vengano tolti i figli alle famiglie. Infatti, l’allontanamento dei bambini e dei ragazzi dai loro nuclei familiari costituisce l’extrema ratio”. Alla conferenza stampa è intervenuta anche Mariapia Barraco per spiegare il ruolo dello “spazio neutro”, che è nato a Marsala nel 2006 ed è un servizio che consente di accompagnare il genitore nel percorso e tutelare il minore dalle situazioni di disagio. A supporto del progetto vi sono le cooperative Nido d’Argento e Valle Verde.

L’assessore Clara Ruggeri ha inoltre illustrato i diversi progetti portati avanti dal Comune, come il “ Progetto Girandola”che vede la fondazione di centri socio-ricreativi per minori in diverse zone della città, ovvero Amabilina ( Centro Sociale) e l’Istituto comprensivo MarioNuccio ( sede di Contrada Cardilla) Centro Sociale di Grazia Puleo. Altro progetto è quello “Infanzia in gioco” con la creazione di uno “spazio-gioco”ubicato nel Complesso Monumentale di San Pietro, inteso come luogo in cui le famiglie, nelle ore pomeridiane, ricevono informazioni e supporto educativo,promuovono iniziative e condividono momenti di gioco con i propri figli (da 0 a 6 anni) tramite la partecipazione a laboratori relazionali ed espressivi. Il Comune di Marsala è inoltre partner del progetto, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, “ Non cadere nella trappola” proposto dalla Cooperativa Humanamente, dal Cosnorzio Solidalia, Prefettura, ASP e da diversi Comuni Obiettivi del Progetto al fine di promuovere la prevenzione dell’uso di sostanze psicotrope e stupefacenti con l’attenzione ad uso controllato e responsabile del web nonché di sensibilizzare e informare i giovani sul tema delle dipendenze e degli effetti dannosi causati dalle sostanze psicotrope; i destinatari del progetto sono giovani di età compresa tra i 13 e i 16 anni. Infine il progetto “ Micro nido e spazio gioco” è stato utilizzato per prolungare l’apertura degli asili nido comunali di Sappusi e Amabilina anche nei mesi di luglio e settembre.