Carabinieri. Controlli del territorio a Monreale: quattro arrestati e un denunciato

132
SONY DSC

I militari della Compagnia Carabinieri di Monreale, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto delle illegalità diffuse hanno tratto in arresto due giovani palermitani, C.a., ventinovenne, e C. n, ventunenne, entrambi residenti nella cittadina normanna.

I due venivano sorpresi dopo aver ceduto ad un acquirente una dose di sostanza stupefacente del tipo hashish, del peso complessivo di gr. 3,5.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire due panetti di analoga sostanza, per il peso complessivo di gr. 200, la somma contante di circa 100 € in banconote di vario taglio, provento dell’attività delittuosa e materiale vario per il confezionamento.

In merito agli arresti, l’Autorità Giudiziaria, dopo averli convalidati, ha disposto per C.a. la custodia cautelare in carcere e per C.n. l’obbligo di dimora.

In un’altra circostanza i militari hanno arrestato un altro pusher, F.g., palermitano di ventidue anni, che veniva fermato dopo aver ceduto ad un cliente una dose di sostanza stupefacente, questa volta del tipo marijuana, per un peso di gr. 2,2.

Dopo la convalida dell’arrestoper F.g. è stata disposta la misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Ed ancora i Carabinieri della Stazione di Santa Cristina Gela hanno tratto in arresto, T.b., settantacinquenne, nato e residente a Belmonte Mezzagno, sorvegliato speciale che, in transito,  veniva fermato nel comune menzionato e che per eludere il controllo,  declinava false generalità ma veniva immediatamente riconosciuto ed identificato dai militari. Dopo la convalida dell’arresto T.b. è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora.

Infine, sono stati segnalati, all’Autorità Prefettizia, in qualità di assuntori di droghe, tre giovani trovati in possesso di altrettante dosi di sostanza stupefacente e deferito in stato di libertà di un uomo trovato alla guida in stato di ebbrezza alcolica con un tasso alcolico di quasi 1,5 grammi per litro. Durante il servizio sono state elevate 10 contravvenzioni al codice della strada con il  ritiro di una patente di guida, di due carte di circolazione nonché al sequestro ed al fermo amministrativo di un totale di cinque veicoli.