Mafia, sgomberato l’immobile confiscato a “Scarpuzzedda”

L’immobile confiscato al boss mafioso Giuseppe Greco noto anche col soprannome “Scarpuzzedda”, sito a Mongerbino nel territorio di Bagheria, in via Perez 101, da stamattina è oggetto di uno sgombero forzato eseguito da parte della polizia, carabinieri, guardia di finanza e capitaneria di porto. Sul posto sono presenti anche i rappresentati della prefettura di Palermo, del Comune di Bagheria oltre che quindici agenti di polizia municipale e assistenti sociali ed azienda sanitaria provinciale e 118. Gli appartamenti da sgomberare sono 8 e vi abitano una ventina di persone fra le quali otto minorenni, di cui uno di 2 mesi ed una donna incinta.

“È un’operazione in sinergia tra Comune e forze dell’ordine per ristabilire la legalità in un immobile simbolo di mafia ed illegalità – dice il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, esponente dei Cinque Stelle -. Abbiamo attivato le assistenti sociali per garantire già una sistemazione ai minori e le loro madri in caso non trovassero una sistemazione presso parenti”.