Contrasto baby gang, arrestato 18enne tunisino

I Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, su disposizione del Tribunale per i minorenni di Palermo, hanno arrestato Zaoali Mohamed Brahim cl. 2000, tunisino (all’epoca dei fatti minorenne), ritenuto responsabile di rapina in danno di due quindicenni mazaresi. La notte del 16 settembre scorso, due giovani (di cui uno minore) a bordo di uno scooter in via Toscanini a Mazara del Vallo hanno raggiunto due minori che si trovavano in quel momento a passeggiare per le vie del paese. Il passeggero, alla vista dei ragazzini, è sceso dal ciclomotore andando incontro alle vittime per consumare la rapina. Quella notte, le vittime sono state derubate di un orologio e della somma di settanta euro prelevata presso uno sportello bancomat attraverso una carta di credito prepagata di uno dei minori. In sintesi, il malfattore, dopo aver agganciato i due ragazzini, li ha costretti a recarsi allo sportello bancomat più vicino per prelevare il denaro contenuto nella carta prepagata per poi darsi alla fuga. In quella stessa giornata, i genitori delle giovani vittime, informati dagli adolescenti della rapina subita nella notte appena trascorsa, li hanno accompagnati dai Carabinieri della Stazione di Mazara del Vallo per denunciare l’accaduto. Da quel momento sono state avviate le indagine che hanno permesso di identificare uno dei due autori coinvolti in quella rapina nello Zaouli. In particolare, dall’acquisizione delle numerose immagini estrapolate da telecamere di sistemi di videosorveglianza è emerso come il malvivente, nel percorrere a piedi l’itinerario per raggiungere lo sportello bancomat con fare “da bullo”, afferrasse al collo i malcapitati che per paura di essere ulteriormente picchiati hanno desistito dal reagire. Il giudice di Palermo, quindi, concordando con le risultanze probatorie acquisite dai Carabinieri ha disposto la custodia cautelare in carcere di Zaouli il quale è stato arrestato e tradotto presso l’istituto penitenziario per minorenni di Palermo.