Operaio morto per esplosione forno alla raffineria di Gela: condannati i 3 imputati

128

Sono stati condannati ad un anno e quattro mesi di reclusione i tre imputati al processo per  la morte sul lavoro di Salvatore Vittorioso, avvenuta il 27 gennaio del 2009. Vittorioso morì a seguito dell’esplosione di un forno all’Eco Rigen, all’interno della Raffineria di Gela.

La sentenza è stata emessa dal Tribunale monocratico di Gela, accogliendo la tesi accusatoria della Procura, che ha condannato Francis Joseph Valeri, consigliere delegato per la gestione tecnica della società Eco-Rigen s.r.l., Giulio Bonfissuto, responsabile del servizio prevenzione e protezione della società e Ezio Viglianti, procuratore speciale responsabile degli impianti.

La Eco-Rigen dovrà inoltre pagare una sanzione di 120 mila euro per responsabilità amministrativa, alla pubblicazione della sentenza, alla sospensione delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali all’esercizio dell’attività ed al divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per un anno.

Il Tribunale ha accolto le richieste della pubblica accusa secondo cui sono state imputate “all’amministratore delegato, al responsabile degli impianti ed al responsabile del servizio di prevenzione e protezione una serie di mancanze sul piano della prevenzione e della sicurezza”, nonché il “perseguimento di prassi pericolose per i lavoratori, che hanno, nel caso di specie, portato all’incidente che ha causato il decesso dell’operaio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.