“Riflessione sull’esistenza”: lettera aperta di Vittorio Alfieri

741

“Caro direttore, in questi giorni particolarmente tristi per la tragedia di Corinaldo, durante i quali la disumanità è emersa in tutta la sua degenerazione, disumanità che già di per se è abominevole, ma amplificata da talk show e social è malvagità all’ennesima potenza. Ho cercato di comprendere le ragioni di questa tragedia e mi sono venuti in soccorso due filosofi, Hannah  Arendt e Friedrich  Nietzsche. Arendt con  il  saggio “La banalità del male” e la sua idea dell’uomo in quanto soggetto  principale del mondo e l’oggettività che dall’uomo è intesa attraverso i sensi e con essi la realtà del mondo. La mia considerazione è che il pianeta Terra  non è Satana in tutte le sue manifestazioni  (tsunami terremoti eruzioni vulcaniche) e sostengo che siamo noi, genere umano, il male, con la ricerca del benessere a tutti costi, benessere raggiungibile con il “dio” danaro anche a discapito della vita altrui e della natura. Poi in aiuto il pensiero di Nietzsche il nichilismo. Nichilismo, come spiega Galimberti, è mancanza di uno scopo esistenziale e il perché di esso, scopo che ognuno può cercare nella religione, nello sport, nell’arte e nella politica sociale, altrimenti saremo soggetti alla rassegnazione (nichilismo passivo).  Nietzsche sostiene che attraverso la ricerca di questo scopo (che deve essere etico) anche a costo di cambiare i valori, da ciò la teoria dell’oltreuomo secondo la quale l’uomo  deve  superare i propri limiti di conoscenza (dove dipendenti dal suo pensare e agire a mio avviso), è dare un  senso alla vita,  oppure è il “nulla “.

Il mio contributo è nel pensare e dire che siamo noi genere umano la soluzione. Le ragioni della tragedia siamo noi e la risposta di Nietzsche è: dare un significato all’esistenza .Dobbiamo farlo tutti nella nostra individualità e con  libero arbitrio. Abbiamo il dovere etico e d’amore di dotare i nostri figli degli strumenti per trovare la ragione dell’esistenza. Strumenti  che non possono essere altri che la Famiglia (in tutte le sue declinazioni) e la Scuola, due “utensili” della mente  imprescindibili”.

 
Grazie per l’attenzione
Vittorio Alfieri 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.