Pensioni, blocco rivalutazione previsto in manovra: protestano i pensionati

Scenderanno in piazza con presidi che si terranno in tutto il Paese, i pensionati con i sindacati di categoria di Cgil Cisl Uil. La giornata di protesta prevista per il prossimo venerdì 28 dicembre davanti le Prefetture delle città, è stata organizzata dai sindacati “contro il blocco delle rivalutazioni delle pensioni previsto nella manovra”. A Palermo l’appuntamento è dalle ore 10 davanti la Prefettura in via Cavour “per dire no – si legge nel volantino di Spi Cgil Palermo, Fnp Cisl Palermo Trapani e Uilpensionati Palermo – al governo che vuole impedire la rivalutazione delle pensioni. Questo esecutivo, come gli altri che lo hanno preceduto, vuole risparmiare sui tantissimi cittadini pensionati”.  “Il governo – aggiungono –non faccia cassa con i pensionati”. Dal 2019 infatti, “i pensionati saranno ancora una volta penalizzati perché, a differenza di quanto previsto, non verrà ripristinata la rivalutazione delle pensioni ma ci sarà un nuovo sistema di riduzione della perequazione per le pensioni superiori a 1.500 euro lordi al mese. Non possiamo accettarlo – dicono i sindacati dei Pensionati – chiediamo che venga riconosciuto ai trattamenti pensionistici un meccanismo di rivalutazione che effettivamente risponda ai bisogni di tantissimi pensionati”. Da qui le forme di mobilitazione e di lotta che avranno il via con i sit in del 28.