Mafia dei pascoli. Incendiata auto di assicuratore che difende le sorelle Napoli

E’ stata data alle fiamme nella notte l’auto di Salvatore Battaglia, l’agente assicuratore che da anni è in prima linea nella difesa delle sorelle Napoli, le coraggiose donne che hanno “osato” dire NO alla mafia dei

 pascoli. A pochi giorni dall’arresto degli intimidatori che da tempo cercano di rendere impossibile la vita delle tre donne che hanno un’azienda agricola dedita alla produzione di foraggio e cereali, la mafia dei pascoli è tornata a farsi sentire(leggi qui)

Le tre sorelle, Irene, Gioacchina e Marianna, dal giorno della morte del padre combattono la mafia dei pascoli di Mezzojuso. Da tempo, l’assicuratore Salvatore Battaglia le sostiene nella dura ed estenuante lotta alla mafia. Da tempo la mafia tenta di intimidire le tre sorelle con minacce pesanti.

L’auto di Battaglia, una Renault, era posteggiata sotto la sua abitazione in via Ruggero Settimo a Mezzojuso. Battaglia aveva denunciato ai carabinieri di aver subito minacce. Gli era stato mandato un “pizzino”con su scritto “Fatti i cazzi tuoi sbirro di merda”. 

Salvatore Battaglia aveva anche accusato nel tempo anche il sindaco di Mezzojuso, Salvatore Giardina, che proprio nei giorni scorsi ha deciso di nominare come assessore alla Cultura della sua giunta Nicolò Gebbia, l’ex generale dei carabinieri che, durante un processo, aveva indicato il padre delle Napoli come complice della latitanza di Provenzano. Per queste affermazioni fu querelato dalle tre sorelle.