Catania, due arresti per tentata rapina

La Procura della Repubblica di Catania ha condotto indagini, delegate ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò e della locale Stazione Carabinieri, a conclusione delle quali sono stati eseguiti ordini di custodia cautelare in carcere nei confronti di Pedalino Consolato Emanuele, di anni 26 e di Serrano Salvatore Davide di anni 35, in atto Sorvegliato Speciale di P.S.

I due sono ritenuti responsabili in concorso tra loro di due tentate rapine avvenute nel mese di agosto del 2018, la prima ai danni dell’esercizio commerciale “Oro e Argento” di via Vittorio Emanuele a Paternò e la seconda ai danni di una donna ultrasessantacinquenne sempre a Paterno.

A seguito della denuncia presentata dai titolari della gioielleria, i militari visionavano le immagini registrate dalle telecamere presenti in zona: dall’analisi emergeva che uno dei rapinatori era armato di pistola e che entrambi avevano agito con dei passamontagna; gli autori della rapina, fuggiti a bordo di uno scooter, venivano però ripresi lungo il percorso di fuga dalla gioielleria, il che rendeva possibile ai Carabinieri del Nucleo Operativo di Paternò il loro riconoscimento.

Qualche giorno dopo, i predetti commettevano una seconda rapina nei confronti di una donna ultrassantacinquenne; nel tentativo di sottrarle la collana d’oro che indossava, le cagionavano, strattonandola e facendola cadere rovinosamente a terra, un “trauma cranico non commotivo al collo susseguente ad aggressione”.

Sono in corso approfondimenti su altre quattro rapine commesse a Paternò nei mesi successivi con modalità analoghe. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria gli arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Calania ” Piazza Lanza”.