Anticipati i saldi in Sicilia. Già dal 2 gennaio la corsa agli affari di stagione

Cominciato il primo grande appuntamento commerciale del 2019 con i saldi di fine stagione. In Sicilia e in Basilicata gli sconti sono stati anticipati al 2 gennaio, mentre entro sabato prenderanno il via in tutta Italia.

Dall’indagine sui saldi invernali condotta da Confesercenti in collaborazione con Swg su un campione di 600 commercianti e 1.500 consumatori, si stima che quest’anno parteciperanno alle vendite di fine stagione circa 280mila attività commerciali, mentre circa un italiano su due (il 47%) approfitterà degli sconti per fare almeno un acquisto. Si valuta che mediamente si spenderanno circa 122 euro a persona, pari a circa 280 euro a famiglia.

“Per i consumatori sarà meglio del Black Friday, con un periodo di sconti più lungo e tutti i vantaggi del negozio tradizionale, spiega Roberto Manzoni, presidente di Fismo Confesercenti -. Conoscere i prodotti ed essere conosciuti dal commerciante, con cui si costruisce un rapporto di fiducia, e poter valutare toccando con mano i prodotti da acquistare”.

Calzature e prodotti tessili gli acquisti in saldo più desiderati: tra chi compra, il 16% spenderà di più, mentre il 70% cercherà di tenersi sulle stesse cifre dello scorso anno. Si cercheranno, in particolare, calzature: un nuovo paio di scarpe è l’acquisto in saldo più desiderato dagli italiani, indicato dal 28%. Seguono i prodotti di maglieria, preferenza per il 22% di chi partecipa ai saldi, ed i pantaloni (14%). Alto l’interesse anche per i prodotti tessili e moda per la casa (9%) e per i capispalla, come giubbotti e giacconi, ricercati dal 7% dei consumatori.