Ieri incontro sulla massoneria e la libertà di associazione all’Ars: “legge Fava mostruosa”. Espressa la vicinanza del Governo regionale

493

Si è tenuto ieri mattina, alle ore 10,30 presso la Sala Mattarella di Palazzo dei Normanni, l’incontro “Liberi di associarsi”, nel quale è stato affrontato il tema della libertà di associazione, nella Sicilia che ha visto approvata la Legge Fava che costituisce obbligo, da parte di chi ricopre incarichi politici, di dichiarare o negare la propria appartenenza alla massoneria. Per chi volesse ripercorrere la questione basta cliccare questo link .

E’ emersa, dagli interventi dei relatori, una generale concordia sulla inutilità e l’assurdità della Legge Fava. E’ stato sottolineato, in particolar modo dall’Avvocato Andrea Pruiti Ciarello, la forte incostituzionalità della legge.

“Adesso aspettiamo la sanzione- dicono gli onorevoli Lo Curto e Catalfamo- visto che ci siamo rifiutati di firmare la dichiarazione. Soltanto con un provvedimento preso a nostro carico possiamo impugnare la Legge per sollevarne il problema di incostituzionalità”. Sebbene, sostiene l’On. Catalfamo “nutro seri dubbi che applicheranno una sanzione visto che sanno bene i problemi di incostituzionalità che presenta la legge”.

“Anche questa è disobbedienza civile, questa non è semplicemente una difesa alla massoneria ma una difesa ai diritti di tutti. Oggi a loro, domani a chi?”, sottolinea l’On. Lo Curto

Gli stessi Miccichè e Lagalla hanno mostrato la vicinanza ideologica ai problemi sollevati durante il convegno.

“Che gli uffici dell’Assemblea abbiano scelto oggi, responsabilmente e consapevolmente, di aprire la porte di questa storica sala delle istituzioni siciliane al Grande Oriente d’Italia, in un momento in cui la fibrillazione è cresciuta in ragione delle recente legge dell’Ottobre 2018, evidentemente esprime la consapevolezza del valore che la massoneria italiana ha, e ha avuto, nella storia del nostro Paese”, afferma Roberto Lagalla.

“Questa legge sulla Massoneria approvata in Sicilia è mostruosa – dice Bis, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia -. Si vogliono colpire solo gli amministratori pubblici massoni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.