Operatore ecologico schiacciato a muro dal proprio un mezzo: salvato dai carabinieri

Avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi la brutta avventura accaduta ad un operatore ecologico della AGESP se non fossero intervenuti i carabinieri a salvarlo.

Durante un normale servizio di controllo del territorio, intorno alle 12.30 di venerdì 11 gennaio, una pattuglia di militari della Stazione di Buseto Palizzolo transitando in via Belice ha sentito le grida di un’anziana signora, C.C. classe ’37, la quale, ha segnalato ai carabinieri un uomo che era appena stato investito e rimasto schiacciato tra un veicolo e il muro della propria abitazione.
I militari hanno raggiunto immediatamente l’operatore ecologico dipendente della società “AGESP” che poco prima, dopo aver
parcheggiato il camion per la raccolta rifiuti in leggera discesa ed avendo dimenticato di
inserire il freno a mano, una volta sceso per raccogliere alcuni sacchetti di immondizia di fronte alle abitazioni, ha notato il proprio veicolo iniziare a muoversi e prendere velocità lungo la discesa.
L’operaio istintivamente ha rincorso il veicolo nella speranza di limitare i danni e cercando di fermare la corsa dello stesso ponendosi, inutilmente, davanti. Inutile dire che l’uomo è stato travolto dal mezzo che aumentava di velocità e ha terminato la sua corsa su un muro del recinto della casa dell’anziana che ha chiesto soccorso ai carabinieri.


La donna, udito il forte tonfo e le grida lancinanti dell’uomo, si è precipitata fuori casa e constatata la gravità della situazione, è andata in strada attirando strada l’attenzione della
pattuglia di Carabinieri che fortunatamente si trovava a passare da quelle parti.
I militari hanno dunque raggiunto l’uomo, che – impossibilitato a muoversi – era rimasto
letteralmente intrappolato tra le lamiere del camioncino e stava gridando – perdendo
lentamente le proprie forze. I carabinieri hanno liberato l’uomo spingendo indietro a mano il veicolo e mettendo l’uomo a terra in posizione di sicurezza. Sono stati allertati i sanitari del 118 e l’uomo ferito è stato trasportato in ospedale.

L’operatore ecologico è stato dimesso con una prognosi di 5 giorni dato che ha riportato un trauma da schiacciamento addominale e varie
contusioni. Solamente la disperata richiesta di aiuto della signora che fortunatamente si trovava in casa in quel momento ed il tempestivo intervento della pattuglia di Carabinieri ha fatto sì che l’ operaio non riportasse conseguenze più gravi.