Giorgio Gaber, 80 anni fa nasceva il Signor G

Il 25 Gennaio del 1939 nasceva Giorgio Gaber, colui che unì la canzone e il teatro.

Dopo i primi 45 giri, Gaber raggiunge il successo nel 1960 con il lento Non arrossire, con il quale partecipa alla Sei giorni della canzone; nello stesso anno incide la sua canzone più conosciuta tra quelle del primo periodo, La ballata del Cerutti, con il testo dello scrittore Umberto Simonetta. Nel corso degli anni sessanta i testi delle canzoni di maggior successo di Gaber sono firmati dallo scrittore. Tra esse, Trani a gogò (1962), GogangaPorta Romana (1963), fruttano a Gaber molte apparizioni televisive.

Gaber è attratto anche dalla canzone francese: ascolta gli chansonniers della Rive gauche parigina, cui riconosce uno spessore culturale e un’attenzione ai testi che mancano nella musica leggera italiana. Gaber afferma, a proposito: “Il mio maestro è stato Jacques Brel”[14].

Gaber, come Gino Paoli, Sergio Endrigo, Umberto Bindi, Bruno Lauzi, Enzo Jannacci e Luigi Tenco, è alla ricerca di un punto di equilibrio tra le influenze americane (rock e jazz) e la canzone francese. Tutti loro lo trovano nella canzone d’autore in italiano. I primi cantautori nostrani, con l’eccezione del precursore Domenico Modugno, nascono difatti in questo periodo, e Gaber è tra loro.

Dopo un sodalizio sentimentale-artistico con la cantante e attrice Maria Monti (insieme avevano scritto Non arrossire), il 12 aprile 1965 Gaber sposa all’Abbazia di ChiaravalleOmbretta Colli, allora studentessa di lingue orientali (russo e cinese) all’Università degli Studi di Milano. Il 12 gennaio 1966 nasce la loro unica figlia, Dahlia Deborah, conosciuta come Dalia.

«[…] La fine degli anni Sessanta era un periodo straordinario, carico di tensione, di voglia, al di là degli avvenimenti politici e non [politici], che conosciamo, e fare televisione era diventato dequalificante. Mi nauseava un po’ una certa formula, mi stavano strette le sue limitazioni di censura, di linguaggio, di espressività, e allora mi dissi, d’accordo, ho fatto questo lavoro e ho avuto successo, ma ora a questo successo vorrei porre delle condizioni. Mi sembrò che l’attività teatrale riacquistasse un senso alla luce del mio rifiuto di un certo narcisismo.»
(G. Harari, «Giorgio Gaber», Rockstar, gennaio 1993.)