Secondo circolo Lega a Marsala: rottura o crescita? Parla Vito Armato

Vito Armato e Matteo Salvini

La Lega di Matteo Salvini a Marsala è presente addirittura con due circoli. Ci siamo chiesti se questa scelta sia stata dettata da fratture interne al partito o se sia stata il frutto di un percorso di crescita del Carroccio in Città tanto grande ed importante da non poter contenere tutti gli iscritti in un unico circolo coordinato da Vito Armato. Per questo motivo abbiamo contattato proprio Armato al fine di chiarire la questione.

Qual è la situazione della Lega a Marsala vista la creazione di questo secondo circolo? Cosa sta succedendo all’interno del partito ?

La Lega a Marsala sta crescendo, quattro anni fa quando mi sono candidato a Sindaco ho detto che quell’1,1% di una creatura politica neonata sarebbe aumentato e adesso curandola e portandola avanti è cresciuta, e naturalmente nel rafforzarci sta nascendo anche questa situazione con questo secondo circolo che accolgo con molto piacere e prestissimo, già questa settimana, ci sarà una riunione dei presidenti dei circoli della provincia. Ma oltre questa riunione a livello personale faccio gli auguri e i complimenti al nuovo circolo e spero che questo sia un momento di incontro con Fanny Montalto nel quale potere lavorare in collaborazione con quella che è stata la storia e quello che sarà il futuro della Lega in Città.

Ma perché l’idea di creare due circoli e non far crescere quello già esistente? forse sarebbe stata la scelta più logica. Il dubbio che è sorto a molti è che ci siano state delle tensioni o fratture a livello locale che abbiano portato alla fondazione di queste due realtà.

Questo non lo dovete chiedere a me. Io sono stato quattro anni in Lega e non ho mai allontanato, pur essendo stato commissario regionale e commissario provinciale, nessuna persona, né rifiutato nessun ingresso. Non ho mai ricevuto da parte di nessuno una richiesta di avvicinamento al nostro circolo, molto ben nutrito potendo contare della presenza di tantissimi professionisti, che io rappresento come presidente eletto.

Quindi è stata una iniziativa nata parallelamente senza un vostro coinvolgimento o addirittura senza che ne foste a conoscenza?

Non c’è stato, ma non ce n’era bisogno perché noi non siamo i capi della Lega ma siamo soltanto un gruppo di persone che rappresenta la Lega da quattro anni. Ben vengano nuove energie e se c’è la volontà di stare insieme e discutere siamo disponibili. Naturalmente bisogna discutere dei fatti perché a me interessa portare avanti dei progetti che abbiamo iniziato in ambito comunale, siamo abituati a fare politica. Abbiamo fatto un intervento sul porto, abbiamo fatto un intervento sui Rom, un intervento sul decreto sicurezza, insomma proviamo a lavorare con le altre forze in opposizione a questo sindaco che non ci piaceva neanche nel 2015.

Una piccola indiscrezione sulle prossime elezioni comunali. Avete già iniziato a dialogare con qualcuno o avete in mente qualche candidato ? e per ciò che riguarda il secondo circolo della Lega, farete uno stesso percorso oppure ognuno procederà per conto suo ?

Gli avversari politici per me non sono i leghisti,i miei avversari politici per me sono il PD o qualcuno che si vede rappresentato nelle politiche di Micciché, ma non voglio dire neanche di tutta Forza Italia perché magari il Deputato eletto nel nostro comune non si ritrova in alcune loro scelte. Credo che bisogna parlare innanzitutto con tutti quelli della Lega di Marsala e poi aprirsi alle altre forze politiche. Va sottolineato che noi della Lega non decidiamo mai singolarmente ma si decide a livello provinciale e regionale.

Quindi, allo stato attuale, lei è il coordinatore del primo gruppo della Lega e Fanny Montalto è la coordinatrice del secondo ?

Diciamo di si per come sono le dinamiche adesso, ma sono convinto e fiducioso che in pochi mesi riusciremo ad essere tutti nella stessa stanza perché questo è l’interesse del territorio. Oggi l’interesse del territorio è di essere rappresentato da persone perbene e siccome ho visto i nomi di quel circolo, credo che non ci siamo brutte persone, quindi penso che l’unione dei due circoli possa essere il vero obiettivo dei primi tre mesi di questo anno e io farò di tutto perché questo capiti.