Fallimento della Latte Puccio: arrestati i titolari

50

Gli amministratori dell’azienda Latte Puccio, lo storico caseificio di Capaci sono stati accusati di bancarotta fraudolenta e pertanto è scattato per loro il sequestro di beni da 15 milioni di euro. Secondo gli investigatori, 5 milioni di euro sarebbero stati “distratti” dagli stessi titolari e portati in Svizzera, depositati cioè in una banca elvetica.

L’autorità giudiziaria e i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Palermo, dopo lunghe ed accurate indagini coordinate con la Procura di Palermo, hanno posto agli arresti domiciliari l’amministratore della società, Giuseppe Valguarnera, e la compagna Caterina Di Maggio, ex amministratrice, vedova dello storico patron dell’azienda, Enzo, deceduto nel 2000. L’azienda è stata posta in amministrazione giudiziaria.

Da mesi, molti lavoratori della Puccio erano rimasti a casa. Soltanto 6 di loro portavano avanti ciò che restava dello storico caseificio. In realtà, secondo gli inquirenti, l’azienda sarebbe stata fatta fallire per portare i 5 milioni di euro nella banca svizzera.

La stragrande maggioranza dei lavoratori della Latte Puccio era stata licenziata nei mesi scorsi e solo in sei sono rimasti al lavoro. In realtà, secondo gli inquirenti, gli amministratori dello storico caseificio di Capaci avrebbero fatto fallire l’azienda per poi traferire 5 milioni di euro in conti in Svizzera.

I due indagati devono difendersi dall’accusa di bancarotta fraudolenta, per aver svuotato l’azienda e trasferito le attività ad un’altra ditta.

“L’autorità giudiziaria e gli inquirenti della guardia di finanza hanno cercato di lavorare in tempi brevi, raccogliendo il grido di dolore dei lavoratori licenziati – spiega il tenente colonnello della guardia di finanza di Palermo Danilo Persano -. Gli amministratori svuotando l’azienda di valore hanno anche messo in ginocchio le tante società e aziende del territorio che lavoravano e collaboravano con l’azienda Latte Puccio. Tutto il tessuto imprenditoriale locale è stato messo economicamente  in ginocchio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.