Forza Italia: non chiuda il punto nascite di Pantelleria

La delegazione di Pantelleria di Forza Italia e il coordinatore provinciale Toni Scilla, hanno inviato una lettera al presidente della Regione e al suo vice, Musumeci e Armao, all’assessore alla Sanità, Razza e al presidente dell’ARS, Miccichè, per attenzionare la questione della chiusura del punto nascite dell’Ospedale Bernardo Nagar di Pantelleria. Lo certifica la pubblicazione sulla gazzetta ufficiale della Nuova Rete Ospedaliera della Sicilia facente parte delle linee guida e degli indirizzi del Ministero della Sanità, “che però non considera la peculiarità di un territorio insulare e periferico come Pantelleria, molto distante dalla terraferma, riducendo di fatto la sicurezza di un parto ad un mero calcolo numerico. Non viene, inoltre, preso in considerazione il disagio che questa disposizione determina sull’intera popolazione, sulle nostre famiglie e sulle nostre donne. E’ proprio per questa ragione, che chiediamo con forza di rivedere questa “infelice imposizione”, affinché si possa ritornare a partorire a Pantelleria, ridando al nostro nosocomio la dignità perduta e un minimo di dotazioni al passo con i tempi”.

 “Credo sia un nostro preciso dovere attivarci – scrive il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè – assieme al presidente Musumeci e agli assessori Razza e Armao per verificare e percorrere tutte le strade possibili affinchè gli abitanti di Pantelleria non rimangano isolati su questa problematica. Faremo quanto possibile per fare in modo che ci possa essere una deroga a questa norma nazionale”.

 “Siamo al fianco dei panteschi che non saranno lasciati soli. Chiederò al presidente Miccichè di farsi promotore di un incontro con il governo per trovare una soluzione alla problematica che si potrà risolvere con il buonsenso”. Lo dice il coordinatore provinciale di Trapani, Toni Scilla.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.