Tragedia Acireale. Stop alle ricerche in mare di Enrico: appello dei familiari

A sei giorni dalla scomparsa in mare dei tre giovani acesi inghiottiti da una terribile onda che si è abbattuta sul molo da dove, all’interno della loro Fiat Panda verde stavano guardando il mare in tempesta, è arrivata la comunicazione che le ricerche sinergiche fra capitaneria di porto, vigili del fuoco e altre forze dell’ordine sono state interrotte. La tragedia è avvenuta la scorsa domenica pomeriggio. Tre amici, Margherita Quattrocchi, Lorenzo D’Agata ed Enrico Cordella, dopo aver preso un caffè nel bar vicino il molo di Acireale sono andati con l’auto ad osservare da vicino il mare che in quel momento era agitatissimo. Un’onda anomala li ha travolti e trascinati in mare. I corpi della giovane Margherita e di Lorenzo sono stati man mano recuperati nei giorni seguenti, mentre risulta ancora diperso quello del fidanzato Enrico Cordella.

Ma dal comando provinciale dei vigili del fuoco di Catania, intanto, informano che “le ricerche proseguiranno in modo autonomo, ogni immersione programmata dei nostri sommozzatori ed ogni uscita in mare dei nostri mezzi navali, saranno utilizzate anche per questa finalità”.

I familiari del giovane però hanno diramato un appello a tutti i volontari e pescatori di Acireale per proseguire le ricerche del suo corpo.

“Vorremmo continuare le ricerche di Enrico anche via terra, battendo cioè le zone di scogliera accessibili a piedi – si legge in  un post condiviso da amici e conoscenti sul profilo del fratello di Enrico Salvatore -. La zona della Timpa non consente un passaggio a piedi continuativo sulla costa, ma possiamo dare il nostro contributo setacciando scoglio per scoglio dove si può arrivare con facilità. Le zone papabili da poter perlustrare possono essere: la costa di Santa Maria La Scala, la costa della zona di Santa Caterina, quella della zona Acquegrandi ed infine la zona della Gazzena, detta anche Mulinia”.

Così è stato organizzato un incontro per continuare le ricerche. “L’appuntamento – si legge in un post di Roberta Messina – è fissato per le 9,15 di domenica 3 marzo zona parcheggio nei pressi del bar Caffè Flora solo se le condizioni meteo saranno buone o più che buone. Ricordo che ad Acireale centro c’è il circuito chiuso per il carnevale. Da lì ci si dividerà in squadre per raggiungere i punti prefissati. Spero di potermi avvalere della presenza di amici che conoscono molto bene quei luoghi”.