Precipita aereo della Ethiopian Airlines, 157 morti: l’assessore Tusa a bordo dell’aereo

13:30 – L’assessore regionale ai Beni Culturali, Sebastiano Tusa, archeologo di prestigio e di chiara fama internazionale è morto nell’incidente aereo accaduto OGGI DOMENICA 10 MARZO, in tarda mattinata. L’aereo della compagnia aerea Ethiopian Airlines è precipitato dopo appena 6 minuti di volo mentre stava attraversando il cielo fra Addis Abeba e la capitale del Kenia, Nairobi.

A darne conferma anche quanto appena dichiarato dal presidente della regione Siciliana, Nello Musumeci che in una nota ha dichiarato : 
Ho appena ricevuto la conferma ufficiale dell’Unità di crisi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: l’assessore Sebastiano Tusa era sull’aereo precipitato in #Etiopia. Sono distrutto. È una tragedia terribile, alla quale non riesco ancora a  credere: rimango ammutolito. Perdo un amico, un lavoratore instancabile, un assessore di grande capacità ed equilibrio, che stava andando in Kenya per lavoro. Un uomo onesto e perbene, che amava la #Sicilia come pochi. Un indimenticabile protagonista delle migliori politiche culturali dell’Isola”.

Sull’aereo, insieme a Tusa, viaggiavano anche altre 157 persone, tutte morte nel disastro aereo di oggi. Contrariamente a quanto scritto da qualche testata giornalistica, non è morta la moglie dell’assessore regionale, la dottoressa Valeria Li Vigni, direttrice del Museo Pepoli di Trapani. La moglie lo accompagnava spesso nei sui viaggi ma questa volta, per impegni personali non era andata con lui. Tusa era diretto in Kenia per partecipare ad un progetto Unesco.

13:00 – L’assessore ai Beni Culturali Sebastiano Tusa era in missione a Nairobi ed era nella lista dei 157 passeggeri del volo dell’Ethiopian Airlines precipitato oggi. Tusa, archeologo di fama internazionale, Sovrintendente del Mare della Regione, era diretto in Kenia, per un progetto dell’Unesco, dove era già stato nel Natale scorso insieme con la moglie, Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Museo d’Arte contemporanea di Palazzo Riso a Palermo. Sono in corso contatti fra il presidente della Regione Nello Musumeci e i vertici della Farnesina.  Ore di angoscia alla Regione dove si attende da un momento all’altro la verifica della Farnesina.

Lo schianto è avvenuto alle 8.44 locali, 6 minuti dopo il decollo da Addis Abeba vicino alla località di Bishoftud, ad una cinquantina di chilometri a sud della capitale etiope.  Sarebbero 8 gli italiani a bordo.  Lo riferiscono all’ANSA fonti qualificate.

L’ufficio del primo ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed ha espresso “a nome del governo e del popolo etiope le più sentite condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso i loro cari”. Al momento la causa dell’incidente non è ancora chiara.

Fonte: Gds.it