Situazione di degrado e caduta di calcinacci nella biblioteca di Marsala. Ecco foto e video. Una vergogna per tutta la Città

La biblioteca comunale, che è anche sede dell’archivio storico della Città di Marsala, sta vivendo una situazione di assoluto degrado, abbandono e poca sicurezza. Degli utenti ci hanno segnalato che al primo piano della struttura manca addirittura la luce, tra l’altro nello stesso piano vi è anche la sede della Dirigenza della biblioteca.

Altro inquietante aspetto è la dubbia sicurezza di alcune parti della struttura. Proprio questa mattina, infatti, sono crollati due pezzi calcinaccio di dimensioni ragguardevoli che senza alcun dubbio, laddove avessero colpito qualche utente, avrebbero minato l’incolumità dello stesso.

Ricordiamo che la biblioteca comunale di Marsala è frequentata settimanalmente da centinaia di ragazzi che si recano lì per poter studiare in tranquillità e il suo archivio storico è il punto di riferimento per moltissimi studiosi ed appassionati della storia cittadina.

La domanda sorge spontanea: come può il Comune pretendere di mantenere attiva una struttura così importante, quale la biblioteca, che offre un servizio di aggregazione culturale fondamentale per i cittadini, non riuscendo neanche a curare un semplice cambio di lampadine ? E’ mai possibile che ci vogliano tempi biblici per porre rimedio a questioni così banali che protratte nel tempo stanno creando seri problemi di sicurezza per fruitori e personale ?

Si parla sempre di cultura, se ne discute, la si fa diventare argomento di propaganda politica, si fanno progetti, si sogna e si creano false aspettative. Ma poi ? cosa si fa veramente per la cultura, per incoraggiare i giovani e gli studiosi a portare avanti un’idea di progresso ? Questo è un omicidio ideologico e, a nostro avviso, qualcuno dovrebbe risponderne.

E’ una questione di sicurezza culturale, artistica e, non per ultima, fisica. Ma soprattutto non è più un problema di mancanza sensibilità , ormai a questa ci siamo arresi, ma di dignità politica, intendendo la politica nel suo senso più alto. A questa non ci possiamo permettere di arrenderci.

Speriamo che l’amministrazione prenda dei provvedimenti forti ed immediati per porre rimedio alla questione, dal canto nostro vi è la promessa di non demordere in tal senso, monitorando quelli che saranno i prossimi risvolti. Ecco video e foto: