L’archeologia siciliana protagonista all’Università brasiliana di San Paolo

SAN PAOLO (Brasile, 26 mar) – L’archeologia della Sicilia sarà al centro dell’attenzione in occasione di un convegno internazionale di studi in programma dal 3 al 5 aprile in Brasile all’USP, l’Università di San Paolo: “Μεγίστη καὶ ἀρίστη νῆσος” (in greco, l’isola più grande e più nobile,da un passo del geografo Strabone) è il titolo della tregiorni che vedrà riuniti una ventina di relatori provenienti da diverse città tra cui Berlino, Palermo e Messina. 

L’evento, che gode del patrocinio e del sostegno della São Paulo Research Foundation (FAPESP) e dell’Istituto Italiano di Cultura di San Paolo, afferente alla Farnesina, è organizzato dai dottori Leonardo Fuduli e Viviana Lo Monaco, entrambi ricercatori italiani impegnati da tempo nell’ateneo brasiliano, sotto la direzione della professoressa Maria Beatriz Borba Florenzano, ordinario di Archeologia Classica e direttrice del Laboratório de estudos sobre a cidade antiga (LABECA). Questo prestigioso centro di ricerca vanta l’unico istituto di Archeologia Classica del Sud America con annesso museo archeologico, che custodisce molti reperti di provenienza siciliana, e ha da sempre mostrato grande interesse verso l’isola del Mediterraneo, attraverso il finanziamento di progetti scientifici sotto il profilo storico e archeologico.

L’incontro vuole incoraggiare nuove sfide in questi ambiti espandendone il raggio di azione, perciò saranno presentati studi e poster sull’archeologia della Sicilia, con particolare riferimento al periodo che va da quello protostorico (sec. XIII-VIII a.C.) a Medioevo, grazie alla presenza di studiosi brasiliani e stranieri. Nel corso dell’evento sarà dedicato un momento al ricordo dell’archeologo palermitanoSebastiano Tusa, scomparso di recente. 

Il simposio sarà una straordinaria oppotunità per gettare le basi di future collaborazioni e iniziative capaci di far conoscere e apprezzare oltreoceano le antiche preziosità della terra sicula, soprattutto per quanto riguarda le fasi successive alle fondazioni greche, di solito poco attenzionate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.