Crack Miraglia, 7 condanne per bancarotta fraudolenta

69

Tredici anni fa, un’indagine della Guardia di Finanza, accertò la “distrazione” di 13 milioni di euro da parte dell’azienda tessile Miraglia a danno dello Stato e di alcuni creditori, oltre che artefice di numerosi reati societari. Ieri, a conclusione di un processo durato oltre 10 anni, e dopo 9 ore di camera di consiglio, è stata emessa la sentenza di condanna nei confronti del patron dell’azienda, Lucio Miraglia, a cui sono stati inflitti 7 anni e mezzo di reclusione contro i 6 richiesti. A sei anni è stato condannato Giancarlo Ciacciofera, a 5 anni e 4 mesi Carlo Sorci, a 2 anni Maria Pia D’Addelfio e a 3 anni, Vittorio Passaro. Questa la sentenza emessa dalla quarta sezione del tribunale di Palermo.

Assolti Francesco e Anna Mocciaro. Nell’inchiesta, 13 anni fa, vennero coinvolte varie società del gruppo Miraglia che, secondo la Procura, sarebbero servite per complesse operazioni finalizzate a spostare importanti patrimoni mobiliari ed immobiliari, per evitare le procedure fallimentari. Quel crack finanziario, causò la chiusura dei negozi Miraglia e il licenziamento di decine di lavoratori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.