Arresto cardiocircolatorio: così è morto Gianni Genna

E’ arrivato l’esito dell’esame autoptico eseguito sul corpo del giovane Gianni Genna trovato morto martedì scorso in contrada Digerbato. Per il medico legale Gianni è morto per arresto cardiocircolatorio. Tante le domande che adesso è lecito chiedersi anche alla luce del racconto del testimone che ha contattato la nostra redazione e che ha raccontato di quanto fosse agitato e in preda allo stato confusionale il giovane ripreso dalle videocamere

(articolo che potete leggere sul nostro sito online w.w.wsiciliaogginotizie.it).

Pare che l’arresto cardiaco sia stato causato dall’aver bevuto un mix fatto di droghe e alcol. Gianni l’ha bevuto da solo? Chi ha preparato questo esplosivo cocktail? Gianni non è morto a seguito di percosse nè si sarebbe trattata di una vendetta come incautamente avanzata come ipotesi. Resta da chiarire che responsabilità abbiano gli “amici” che lo hanno lasciato lì senza chiamare aiuto. L’esame è stato eseguito dalla dottoressa Elena Ventura del Policlinico di palermo. I funerali del giovane si svolgeranno domani alle ore 11 a Santo Padre delle Perriere.