Topo morto fra i pistacchi: sequestrati 200 Kg di “Oro verde” a Bronte

La sconcertante scoperta di un ratto morto fra i pistacchi di bronte l’hanno fatta i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dai colleghi del Comando Tutela Agroalimentare di Messina e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Catania e da personale dell’A.S.P. di Bronte, il quali hanno
ispezionato una importante azienda del posto preposta alla lavorazione ed al confezionamento di frutta secca riscontrando appunto la presenza di un ratto morto nei pressi di una partita di 200 kg di pistacchio posta sotto
sequestro per i successivi accertamenti sanitari;

I 200 Kg di pistacchi erano privi dei dati di tracciabilità dei prodotti semilavorati per cui sono state elevate sanzioni pari ad euro 1.500.
Nella circostanza è stato denunciato il titolare dell’azienda, un 47enne del posto, per violazioni in materia di sanità pubblica e per avere utilizzato apparecchiature di video sorveglianza in assenza di accordo
sindacale ovvero autorizzazione dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Catania. Inoltre sono stati identificati 2 lavoratori in nero su 12 presenti per cui sono state elevate sanzioni per euro 7.200 e recuperati contributi e premi assicurativi ed assistenziali pari ad euro 3.000.

Sono state contestate altre ammende pari ad euro 1.500.