Hashish e telefonino in carcere: scandalo all’ Ucciardone

All’interno del carcere palermitano Ucciardone, gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno scoperto in un magazzino 100 grammi di hashish e un cellulare avvolto nel cellophane e nascosto dietro un congelatore.

La droga era già suddivisa in dosi pronte allo spaccio. I poliziotti si sono insospettiti per via di un insolito viavai dal magazzino in cui c’era quel congelatore messo a disposizione ai detenuti per conservarci il cibo. Quando hanno deciso di controllare e hanno fatto la scoperta, hanno denunciato tutto alla direzione.

Al vaglio degli investigatori ci sono le immagini del sistema di videosorveglianza interno e esterno al carcere.

“Quel carcere era diventato un porto di mare, la nuova direttrice sta cercando di mettere rimedio ma in passato c’è stata una gestione inadeguata e all’acqua di rose”. Queste parole sono state pronunciate dal segretario regionale Osapp, Dario Quattrocchi, che aggiunge: “Nel carcere entrano troppi volontari. La direttrice Barbera aveva deciso un regime talmente libero da diventare incontrollabile per il personale sottodimensionato”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.