Partanna, pubblicato l’avviso per l’assistenza abitativa

Anche quest’anno è stato emanato il bando per l’assistenza abitativa ai meno abbienti. Il Comune concederà un contributo mensile integrativo agli aventi diritto per il pagamento del canone di locazione del proprio alloggio, nei limiti delle disponibilità finanziarie dell’ente locale. Il sussidio sarà corrisposto per la durata di un anno. Le domande potranno essere presentate presso l’ufficio del Protocollo in via Vittorio Emanuele,18 oppure inoltrate all’e-mail doriana.nastasi@unionebelice.itentro il 18 maggio. All’istanza dovranno essere allegati il documento di identità, la certificazione o autocertificazione dello Stato di famiglia, copia originale o autenticata del contratto di locazione, certificazione attestante la situazione reddituale, dichiarazione dalla quale risulti che l’alloggio è strettamente necessario alle esigenze del richiedente e degli eventuali familiari conviventi e copia della concessione edilizia attestante la regolarità urbanistica e l’abitabilità del fabbricato. Fra i requisiti richiesti per la concessione del sussidio figurano la residenza a Partanna da almeno due anni e la titolarità del contratto di locazione in capo al richiedente. La graduatoria dei beneficiari sarà stilata dall’Ufficio dei Servizi sociali entro il 18 giugno. Per maggiori informazioni è possibile consultare l’avviso pubblicato sul sito internet del Comunewww.partanna.gov.it nella sezione “Amministrazione trasparente – Sovvenzioni, contributi, sussidi e vantaggi economici”. “L’intervento predisposto dall’amministrazione comunale – afferma il sindaco Nicolò Catania – ci consente di offrire un supporto, in nome dei principi di solidarietà e tutela sociale, ai soggetti in difficoltà economica per l’affitto della propria abitazione. Un ulteriore tassello fra i tanti provvedimenti di carattere sociale che in questi anni l’amministrazione ha messo in campo per aiutare i più bisognosi”. “Cercheremo di dare un sostegno ai richiedenti  –aggiunge l’assessore ai Servizi sociali Maria Antonietta Cangemi – nei limiti del nostro bilancio comunale. Questa è una misura sociale necessaria per garantire un’abitazione dignitosa a famiglie in condizione di svantaggio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.