Salute, nominata la Commissione Regionale per l’assistenza ai soggetti affetti da Fibrosi Cistica

54

 Calderone (FI): “Ringrazio per la disponibilità l’Assessore Razza e il Comitato della Lega Italiana Fibrosi Cistica.”

 Ieri, in Commissione Salute, Servizi Sociali e Sanitari all’Ars, è stata ricevuta la Lega Italiana Fibrosi Cistica – Comitato provinciale di Messina. L’incontro è culminato con l’ufficializzazione del decreto assessoriale che ridetermina la “Commissione Regionale” chiamata a supportare l’aggiornamento dei presidi sanitari deputati alla diagnosi e trattamento della Fibrosi Cistica, con facoltà di proposte per aggiornamenti e verifiche procedurali.

“A seguito della richiesta a me fatta dall’Avv. Mariella Sciammetta, Presidente del Comitato messinese della Lega Italiana Fibrosi Cistica, e dal prof. Giuseppe Magazzù, del Policlinico di Messina, ho chiesto che in Commissione Salute si potesse svolgere un confronto tra l’area sanitaria e le Istituzioni, al fine di esporre le criticità circa l’approccio strutturale a una malattia genetica a decorso potenzialmente fatale. Colgo l’occasione per ringraziare l’Assessore Razza, il quale si è dimostrato sensibile alla problematica, predisponendo il Decreto di nomina della Commissione Regionale”.

A riferirlo è il Componente della Commissione Salute, on. Tommaso Calderone, del Gruppo Parlamentare di Forza Italia all’Ars.

In Italia solo oltre 5.300 i pazienti affetti, di cui 496 in Sicilia. Sono quattro le classi che riguardano le mutazioni genetiche, in rapporto al grado di complessità della patologia. Grazie all’utilizzo di nuovi farmaci, e alla legislazione vigente, la quale considera la malattia “ad alto interesse sociale”, adesso è possibile aumentare l’indice di sopravvivenza media.

“È lecito – conclude Calderone – ambire al miglioramento di tale indice, anche grazie a un monitoraggio costante. Il Compito della Commissione Regionale contribuirà a raggiungere tale scopo, nell’ottica di una riorganizzazione dei presidi sanitari, chiamati a diagnosticare e trattare la Fibrosi Cistica, oltre che a vigilare sull’applicazione delle procedure stabilite dalla normativa aggiornata”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.