Summit Orlando-Musumeci: il futuro di Birgi “passa” da Palermo

Piccoli ma importanti passi. Questo sta accadendo mentre Birgi arranca e Palermo “studia e valuta ” il potenziale alleato, il compagno di nuove e ( si spera proficue) nuove sinergie. Durante l’importante incontro avvenuto ieri a Palermo, a Palazzo d’Orleans, indetto per discutere della eventuale fusione fra i due scali aeroportuali della Sicilia Occidentale, molte cose si sono dette i due importanti e spesso contrapposti interlocutori, ovvero Leoluca Orlando sindaco del capoluogo e il presidente della regione Nello Musumeci. Al summit erano presenti anche gli assessori regionali all’Economia Gaetano Armao e alle Infrastrutture Marco Falcone, i vertici della Gesap, Tullio Giuffrè e Giovanni Scalia e dell’Airgest, Paolo Angius e Michele Bufo e il consulente del presidente della Regione, Vito Riggio. Numerosi i temi trattati nel corso del confronto che ha avuto come punto cardine la necessità di razionalizzare e semplificare il sistema aeroportuale dell’Isola.

Creare, da subito, sinergie commerciali tra Gesap e Airgest allo scopo di incrementare il flusso dei passeggeri dello scalo di Birgi“. Questo è quanto evidenziato dal presidente Musumeci che ha sottolineato ” l’importanza di lavorare, anche in uno spirito di solidarietà, per determinare un rilancio dello scalo trapanese, dopo la grave crisi che, da qualche anno, ha colpito l’aeroporto a causa di scelte gestionali e politiche assai discutibili. 
«Si tratta – sottolinea il governatore – di un primo, ma necessario, passaggio per consentire a entrambe le società di gestione di valutare le ulteriori iniziative da adottare”.

Allo stesso modo, Orlando ha rappresentato la disponibilità al dialogo per avviare una collaborazione tra le due società, rappresentando questa una risorsa per tutto il territorio. Il 22 maggio i vertici di Gesap e Airgest torneranno a incontrarsi, alla presenza di Vito Riggio, per individuare le possibili iniziative comuni, mentre Musumeci e Falcone hanno ribadito la disponibilità del governo regionale a liberalizzare il trasporto turistico su gomma da e per i porti e gli aeroporti dell’Isola.
Abbiamo mantenuto l’impegno assunto a Erice, in occasione degli Stati generali del turismo – ha sottolineato Musumeci – la volontà del mio Governo è quella di adoperarsi per il riordino del sistema aeroportuale dell’Isola e stiamo lavorando in questa direzione. Siamo convinti che la crisi economica dovuta al depotenziamento di Birgi colpisca non solo le attività imprenditoriali del Trapanese, ma anche quelle di Palermo e Agrigento e quindi dell’intero comprensorio della Sicilia occidentale. In questa logica, la ripresa dell’operatività dello scalo costituisce un obiettivo irrinunciabile“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.