Alessandra Mirabella quintet in concerto per la rassegna Brass at Spasimo

Protagonista del concerto dedicato alla rassegna Brass at Spasimo della  Fondazione The Brass Group, in programma venerdì 17 maggio alle ore 21.35 al Blue Brass, sarà la calda voce di una straordinaria interprete siciliana,Alessandra Mirabella. Una serata dedicata alla grande tradizione canora del mainstream nel cartellone della Fondazione, che oramai da quasi cinquanta anni promuove, puntando sui musicisti del territorio siciliano, la produzione di musica Jazz. Alternare alle produzioni orchestrali quelle di jazz chamber music è la più significativa innovazione realizzata dal Brass, negli anni 2000. Per realizzare le sue produzioni originali, diverse da quelle orchestrali, il Brass si avvale di musicisti diversi e di organici minori rispetto a quelli della sua Orchestra Jazz Siciliana, come la produzione “Alessandra Mirabella Quintet”. Una delle voci principali protagoniste del Jazz vocale della nostra isola, il suo è un modo classico ed elegante di porgere i brani, derivato dall’ascolto dei grandi crooner, filtrato attraverso una sensibilità spiccatamente mediterranea. Talento indubbio con una grande passione per i classici del jazz e fedele alla tradizione jazzistica, Alessandra Mirabella, intende la ricerca vocale come indagine di un suono intimo e profondo, “crooneristico”, uno stile vocale sussurrato. La cantante, facendo leva su tutte quelle qualità vocali vicine al parlato e al sentimento confidenziale interpreterà riarrangiamenti  di brani di Cole Porter, Duke Ellington, Irving Berlin,  Antonio Carlos Jobim e Pixinguinha. Una lady della voce, per un concerto incentrato sulle musiche dei grandi compositori del ventesimo secolo. Per il concerto a Palermo, l’artista ha scelto una ritmica tutta siciliana: oltre a Giuseppe Urso alla batteria,  saranno presenti  al sax tenore Gaspare PalazzoloGiuseppe Costa al contrabbasso e al piano Giuseppe Preiti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.