Inizio dei lavori Porto. Che fine farà l’isola ecologica del Salato ? Nuovo sperpero?

E’ ormai noto l’incontro avvenuto a fine maggio all’Ars in Commissione Ambiente per trattare la questione relativa al Porto di Marsala.

Presenti il sindaco Alberto Di Girolamo, la deputazione marsalese all’Ars, Eleonora Lo Curto e Stefano Pellegrino, il Presidente del Consiglio comunale Enzo Sturiano e Massimo Ombra, titolare della società Myr che attende il progetto privato di ricostruzione del Porto turistico lilybetano. Presente anche il responsabile di Invitalia, società che ha la titolarità del finanziamento. 

Nel corso dell’audizione è emersa la volontà della società privata Myr di realizzare il nuovo hub portuale con un finanziamento da parte di Invitalia per 26 milioni di euro. A questo finanziamento si dovranno aggiungere le risorse per la messa in sicurezza del porto a carico della Regione e del Comune limitatamente alla progettazione.

Durante i lavori di Commissione, l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone ha dato garanzia sulla possibilità di finanziare direttamente alcune opere urgenti di messa in sicurezza del porto. La quinta città della Sicilia per abitanti ha tutto il diritto di vedere realizzato il Porto per rilanciarsi anche sul piano commerciale e turistico. (qui l’articolo completo)

Adesso, oltre la soddisfazione per il possibile inizio dei lavori, la questione che si pone è un’altra: cosa ne sarà della nuova Isola ecologica del Salato?

Ricordiamo, infatti, che stanno ultimando i lavori per l’ammodernamento e il miglioramento della Isola Ecologica del Salato.

Ma è qui che sorge il problema più grosso, perchè questa zona, che attualmente è in stato precario in attesa della fine dei lavori, rientra nei luoghi che saranno chiusi e adibiti a cantiere. Quindi i soldi spesi per la sua realizzazione andranno sostanzialmente persi in quanto, prevedibilmente tra qualche mese, non potrà più essere fruibile ?

La nostra è una domanda fatta per curiosità e con la speranza di sbagliarci. Chiediamo, in ogni caso, una risposta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.