Marsala, lasciano morire la pianta sradicata da Porta Nuova: nuovo flop dell’amministrazione poco ambientalista

L’abbiamo vista posata lì, dentro Villa Cavallotti, poco dopo l’espianto dai finti giardini di Porta Nuova e a distanza di 13 giorni è ancora agonizzante, abbattuta e senz’acqua.

Quanto sia poco “verde” lo ha già dimostrato tagliando molti alberi in città, potandoli, capitozzandoli senza un criterio logico in un periodo in cui tra l’altro stavano nidificando molti volatili che sono stati letteralmente sfrattati dai rami con buona pace delle uova non ancora schiuse. Questa povera pianta, alta, in salute, sublime nella sua essenza esotica, è stata lasciata morire. Perchè nessuno l’ha trapiantata? Perchè non la innaffiano? Nel micro evince quanto accade nel macro. Nelle piccole cose, nei piccoli gesti di attenzione si rivela il vero amore o il disinteresse sia per il prossimo che per ciò che ci circonda. Del resto, tutto questo fa parte di un quadro ancora più grande e complesso: se le strade sono sporche, se le spiagge libere non sono state ancora pulite, perchè si dovrebbe avere cura di una singola ( meravigliosa) pianta?