L’ONG Alan Kurdi sfida Salvini: è diretta a Lampedusa

 Dopo Sea Watch e veliero Alex della ONG Mediterranea, adesso è la volta della Alan Kurdi nave della Ong tedesca Sea Eye. Ieri la nave ha salvato 65 immigrati e ora si sta dirigendo verso l’isola agrigentina di Lampedusa: “Non siamo intimiditi da un ministro dell’interno ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo”. Questa la dichiarazione del capitano che al momento si trova con la nave Alan Kurdi in acque internazionali. Lo sbarco per motivi sanitari di 13 migranti farà scattare la competenza della Procura di Agrigento che, una volta ricevuti gli atti dalla Guardia costiera, aprirà il fascicolo. Intanto, la Procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, aprirà un’inchiesta sul veliero Alex per identificare gli eventuali scafisti.