Carrozze con cavalli a Palermo: stop alla sofferenza

Tempi duri per gli gnuri: arriva un nuovo stop dalla Camera e così i “cavalli non dovranno più soffrire e morire”.
Il voto di ieri nella Commissione trasporti della Camera forse segnerà un prima e un dopo e forse spariranno da Palermo, così come in altre grandi città italiane, le carrozze trainate dai cavalli che solitamente vengono affittate dai turisti per fare un giro in centro. Le polemiche che hanno portato ad accogliere la riscrittura dell’articolo 70 del codice della strada che di fatto cancella il servizio di piazza a trazione animale e mantiene la sola eccezione per le slitte, nei parchi pubblici e in occasione di manifestazioni popolari, hanno preso il via a seguito della morte di un cavallo avvenuta tre anni fa nel centro palermitano, precisamente in piazza Verdi. Il cavallo si accasciò a terra dopo che aveva appena terminato il giro turistico. Probabilmente l’animale morì per il troppo caldo e lo sforzo. Grande soddisfazione da parte delle due parlamentari di Forza Italia, Michela Vittoria Brambilla e Federica Zanella, promotrici del cambiamento di questo articolo del codice stradale: “Si tratta di un risultato davvero importante, che salverà la vita di tanti cavalli che non soffriranno più nel traffico delle città, trascinando carrozze cariche di turisti per poi accasciarsi al suolo e in tanti casi perdere anche la vita, come è successo ad esempio a Palermo o Roma. Immagini indelebili che hanno toccato il cuore di tutti coloro che amano gli animali, così come hanno segnato negativamente l’immagine del nostro paese all’estero. Una grande Italia rispetta gli animali, consapevole anche di rappresentare un faro nel mondo. Pertanto siamo felici del risultato di oggi”.

“E’ una nostra vittoria nella pluridecennale battaglia contro il crudele sfruttamento dei cavalli in nome di tradizioni anacronistiche ed irrispettose dei diritti degli animali. Certamente avremmo voluto – spiegano – l’abrogazione dell’articolo 70 del codice strada senza eccezioni, e quindi la fine di tutti i servizi di piazza a trazione animale, ma la politica è l’arte del possibile e questo è il frutto di una mediazione con la maggioranza gialloverde che non voleva la cancellazione totale della trazione animale”. Bilancio positivo dunque: se la riforma arriverà in porto, carrozzelle e botticelle trainate da cavalli non potranno più circolare sulle strade urbane.

Carrozze e gnuri, stop dalla Camera: “I cavalli non dovranno più soffrire e morire”
„he una modifica legislativa sia necessaria – argomentano Brambilla e Zanella – è dimostrato abbondantemente proprio dal caso di Roma, non perché gli amministratori comunali non dispongano già ora dei poteri per ritirare le licenze in caso di inadempienza o per rimetterle in discussione o per limitare il servizio sulla base di una scelta politica, ma perché dei poteri occorre sapersi e volersi avvalere. In campagna elettorale – ricordano – Virginia Raggi aveva promesso di fermare le botticelle: dopo tre anni di guida a 5s, le botticelle circolano ancora indisturbate. Perfino l’ordinanza che vieta di utilizzare i cavalli quando la temperatura supera un certo limite, già prevista da altri sindaci, è arrivata tardi ed è stata scritta così male da incappare nella sospensiva del Tar”. “Il testo votato dalla commissione Trasporti – concludono le due deputate – apre la strada ad una soluzione, valida per tutte le città italiane dove ancora esiste quest’anacronistica usanza: i cavalli non dovranno più soffrire e morire, sotto qualsiasi clima, nel caos del traffico cittadino, a R“

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.