Inclusione, Resilienza e Sinergia: Coltiviamo per la legalità

125

Inclusione, Resilienza e Sinergia sono le tre parole chiave del progetto “Coltiviamo per la legalità”, un progetto che ha dato vita all’orto sociale – urbano, presso il Comune di Erice, Contrada Rigaletta. Il progetto è del Ministero della Giustizia – dipartimento giustizia minorile e di comunità – sezione staccata di Trapani in collaborazione con l’associazione di volontariato “Azione x”. L’orto sociale e urbano si trova presso il comune di Erice, contrada Rigaletta, grazie alla sensibilità e all’attenzione dimostrata dal sindaco Daniela Toscano. “L’amministrazione – sostiene la dott.ssa Rosaria Bonfiglio, presidente dell’associazione di volontariato Azione x – è stata sin da subito partecipe e attenta per la riuscita del progetto che riguarda soggetti particolarmente fragili. La resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva alle avversità, coltivando le risorse che si trovano dentro di noi e l’orto più che mai offre questa opportunità : la cura, la generosità, la fatica, l’ascolto, la protezione. L’orto, soprattutto sociale, comporta una nuova responsabilità nonché un percorso riabilitativo educativo ricco di creatività e spirito imprenditoriale”. In sinergia collabora la dott.ssa Sonia Fonte, promotore e referente istituzionale del progetto e Coordinatore della Sezione Staccata di Tp – Ussm di Palermo – la quale dichiara: “Far apprendere e praticare l’agricoltura sociale ai ragazzi dell’area penale è un valido ed incisivo strumento per il loro recupero sociale, perché innanzitutto offre loro un ambiente educativo, all’aperto e a contatto con la natura. L’orto diventa “ luogo altro” capace di stimolare in loro la cooperazione, la solidarietà, lo spirito di gruppo, stili comportamentali positivi, il confronto costruttivo, la voglia di fare e non di “delinquere”. Se etimologicamente la parola delinquenza significa assenza di legami, da due anni ci impegniamo proprio perché crediamo nel rieducare attraverso il “fare insieme” e con l’ausilio di metodologie ed azioni di empowerment alternativo e de-strutturato. Noi ci crediamo e i ragazzi fin qui insieme a noi!…….Un sentito ringraziamento lo rivolgo alla Dott.ssa Gallo Direttore del Centro Giustizia Minorile per la Sicilia- sede Palermo, per il sostegno e la fiducia ripostaci”.
E la sinergia è stata rappresentata anche dalla presenza della prof.ssa Enza Messina, docente di diritto ed economia presso il liceo Economico Sociale “Rosina Salvo” di Trapani, referente di diversi progetti riguardo l’educazione ambientale e sostenendo la validità del progetto “Coltiviamo per la legalità” ricorda l’importanza della comunità organizzata secondo regole condivise per un ambiente comune, naturale, da conoscere e salvaguardare. I referenti del progetto ringraziano tutti i sostenitori, volontari, ed in particolar modo la Coldiretti della provincia di Trapani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.