Mazara e “l’atletico fantasma” di contrada Affacciata

131

A quanto pare un atletico fantasma… si aggira per la contrada Affacciata a Mazara del Vallo.

Si aggira fra quello che resta del palazzetto dello sport.

Il palazzetto che costruito negli anni 70 con i fondi pubblici, fra i quali quelli della cassa depositi e prestiti, è stato pienamente operativo solo per una decina di anni.

Il suo completamento con le altre tribune, e con la piscina coperta, non è mai avvenuto. Il progetto, sviluppato dall’ Ing. Milone, mazarese di nascita, è rimasto incompiuto.

Negli spogliatoi, ancora per poco, si intravedono gli ultimi sanitari. Perché ladri e vandali ne hanno libero accesso.

La cancellata, riccamente addobbata con vecchi lucchetti arrugginiti posti a sigillare porte e portoni, ha una serie di varchi per il passaggio di furgoni e camion ed, ovviamente, di ladri, vandali e curiosi.

Perché, nel frattempo, è sparito pure qualche pezzo della stessa recinzione.

Lo splendido campo di calcio in erba, la pista di atletica olimpionica sono ormai solo a completa disposizione… di un atletico fantasma… e di un cane bianco.

Ma perché non viene riutilizzata questa imponente struttura sportiva, costata miliardi a tutti gli italiani, realizzata con anni di intenso lavoro, e da anni è in totale abbandono?