Seminario internazionale “arte e antropologia”:oggetti fuori posto, oggetti che parlano

Torna a Palermo Arte e antropologia, appuntamento di approfondimento interdisciplinare da anni organizzato a Palermo dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari – Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino in collaborazione con il laboratorio dell’IIAC/LAIOS/LACI (CNRS /EHESS). Il seminario, in programma al Museo delle marionette il 15 e 16 ottobre, conclude una serie di incontri internazionali svoltisi sia nel capoluogo siciliano a Quebec (Université Laval, Canada) e a Parigi (EHESS / Musée du quai Branly). Gli Oggetti fuori posto, oggetti che parlano sono il focus di questa nuova edizione che si interroga sul modo in cui l’arte e l’antropologia possono dialogare attraverso e sugli oggetti.

Questo incontro tra arte, antropologia e scienze sociali propone una riflessione sugli oggetti “fuori posto” che possono diventare supporti di creazione basati sull’accumulazione, la derisione, l’appropriazione indebita o la sovversione. Gli artisti e i ricercatori che analizzano, creano, fanno prendere la parola a degli oggetti ricorrono a volte a nuove strategie narrative. Deteriorabili, esposti all’usura del tempo, gli oggetti diventano tracce o frammenti, interrogano la memoria – la vita, la morte e la rinascita – e sollecitano l’immaginazione. Se gli oggetti industriali – dettati da mode effimere e destinati a un’obsolescenza programmata – sono destinati ad essere distrutti, i manufatti delle società tradizionali esposti nei musei subiscono una morte simbolica e in alcuni casi una rinascita che provoca malintesi, disturba. Non possiamo descrivere le società senza preoccuparci degli oggetti con i quali viviamo. Spostarli, trapiantarli, implica rimodellarli e caricarli di nuovi significati. Gli oggetti intrattengono un dialogo con chi li possiede. Secondo alcune religioni e tradizioni terapeutiche, certuni esercitano un potere di vita e di morte sui loro proprietari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.