domenica, Giugno 16, 2024
HomeCronacaClochard bruciato vivo, confermato ergastolo per omicida

Clochard bruciato vivo, confermato ergastolo per omicida

La corte d’appello di Palermo ha confermato la condanna all’ergastolo di Giuseppe Pecoraro, il benzinaio accusato dell’omicidio del clochard Marcello Cimino, bruciato vivo, a marzo del 2017, mentre dormiva su un giaciglio di fortuna davanti al ricovero di una missione vicina al cimitero dei Cappuccini a Palermo. I legali dell’imputato, gli avvocati Carolina Varchi e Brigida Alaimo, in primo grado avevano chiesto la sospensione del processo per accertare la capacità di stare in giudizio di Pecoraro che, secondo le due penaliste, non avrebbe avuto la lucidità per affrontare coscientemente il processo. L’istanza era stata respinta. In appello sull’imputato è stata effettuata una nuova perizia che ha confermato che Pecoraro era in grado di comprendere le accuse a suo carico. Arrestato dalla polizia poche ore dopo il delitto grazie alle riprese di una telecamera di videosorveglianza, Pecoraro ha confessato subito, raccontando agli inquirenti di aver ucciso Cimino perchè insidiava la sua compagna.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

ULTIME NEWS