Forza Italia, tutto pronto per il meeting nazionale “Etna19”

“Etna19 – A lavoro per l’Italia”. Si chiama così il meeting nazionale di Forza Italia, organizzato dal coordinamento provinciale FI Catania in collaborazione con il gruppo PPE al Parlamento Europeo, che si svolgerà il 16 e 17 novembre al Grand hotel Villa Itria di Viagrande (Ct). Il “cantiere” di Forza Italia apre dunque in Sicilia e si articolerà in un denso programma di dibattiti e riflessioni su politica e società italiana, alla presenza dei massimi dirigenti e rappresentanti nazionali del partito guidato da Silvio Berlusconi.

Il leader e fondatore forzista interverrà telefonicamente domenica 17 novembre alle ore 12, a confronto fra il coordinatore provinciale FI a Catania, l’assessore regionale Marco Falcone, e il coordinatore del partito in Sicilia Gianfranco Micciché, presidente dell’Ars. Sabato 16 sarà invece il turno di Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia, atteso alle ore 11.15 per un panel dedicato all’Europa. Prenderanno poi parte ai lavori di “Etna19”, nel pomeriggio di sabato, il capogruppo FI alla Camera dei Deputati Mariastella Gelmini, il sen. Maurizio Gasparri, presidente Giunta autorizzazioni a procedere del Senato, il governatore della Regione Molise Donato Toma e il coordinatore nazionale di FI Giovani Marco Bestetti.
“Forza Italia si ritrova alle pendici dell’Etna per dare vita a fucina nazionale di idee e partecipazione politica – ha spiegato il coordinatore e deputato regionale Marco Falcone, organizzatore di “Etna19” –  con l’obiettivo di riflettere e rafforzare l’azione del partito all’interno della sua naturale e indiscutibile collocazione nel centrodestra. Immaginiamo una forza liberale e popolare capace di dare prova di buongoverno dove già governa, e di essere partito della proposta e del buon senso quando si trova all’opposizione”.
Parteciperanno a “Etna19”, fra gli oltre 70 ospiti provenienti dai mondi dell’impresa, delle professioni e dell’università, l’eurodeputato Giuseppe MilazzoRenato Schifani, ex presidente del Senato, gli ex ministri Stefania Prestigiacomo e Saverio Romano, il sindaco di Messina Cateno De Luca, l’intera deputazione forzista siciliana a Roma, l’ex sottosegretario Giuseppe Castiglione.